Provincia Fermo
Altitudine 310 m.s.l.m.
Abitanti 75
Tipologia proprietà
Superficie 6850 mq
Stato del borgo Discreto

Dettagli

La fondazione di Monsampietro Morico e di S. Elpidio Morico risale, secondo la tradizione, al 1061, per opera di Malugero Melo, figlio del Dragone Normanno, conte delle Puglie. La moglie, di nome Morica, gli diede tre figli, ai quali il conte, in omaggio alla consorte, diede il cognome di Morico: di qui il nome del paese. La storia dei due "castelli", passati sotto la giurisdizione di Fermo nel 1341, segue le sorti della città, fino al periodo napoleonico. Dopo l'Unità d'Italia, S. Elpidio Morico perse la sua autonomia e, nel 1898 venne aggregato al comune di Monsampietro Morico. Nel cimitero è la chiesetta romanica di San Paolo, con interventi posteriori di gusto gotico e rinascimentale. A S. Elpidio Morico, nella chiesa parrocchiale, è conservato un trittico di V. Crivelli.

       INFORMAZIONI
  • Giacitura: crinale
  • Uso suolo: bosco e seminativo
  • Funzione del borgo: rurale
  • Epoca di fondazione: medievale
  • Percentuale abbandono: 50%
  • Contesto ambientale: collinare

       SERVIZI
  • Stazione ferroviaria: 32,5 Km
  • Fermata autobus: 0,2 km
  • Superstrada: 30 Km
  • Sede comunale: 4 Km
  • Sede provinciale: 27 Km
  • Autostrada: 30 Km
  • Rete Elettrica: aerea
  • Rete Pubblica Illuminazione: interna ed esterna al borgo
  • Rete Telefonia fissa: aerea
  • Rete Telefonia mobile: copertura sufficiente
  • Rete Idrica: potabile
  • Rete Fognaria: fosse Imhoff
  • Rete Stradale: pavimentata

Edifici ed elementi

  • Chiesa

Fotografie

< >

Allegati

(GAL) Colli Esini S. Vicino S.r.l. _ Piazza Baldini, 1 - 62021 Apiro (MC) _ P.IVA 01119560439